Le scarpe piene di sassi. (Comunanze)

Ero malridotto e non riuscivo a capire cosa sentivo.
Non riuscivo a riconoscermi,
vedevo il mio riflesso in una vetrina
e non riconoscevo la mia stessa faccia
Oh fratello mi lascerai a consumarmi
Sulle strade di Philadelphia…

Ho caminato lungo il viale finchè le mie gambe sono diventate come pietra, ho sentito le voci di amici spariti e partiti…
Di notte potevo sentire il sangue nelle vene nero e sussurrante come la pioggia, sulle strade di Philadelphia

Non c’è alcun angelo che venga a salutarmi.
Ci siamo solo io e te amico mio.
I miei vestiti non mi vanno più bene ho camminato mille miglia
solo per sfuggire a questa pelle.

La notte è arrivata, sono sdraiato e sono sveglio.
Mi sento indebolire quindi fratello ricevimi con il tuo bacio infedele
O ci lasceremo soli così, sulle strade di Philadelphia.

Annunci

3 thoughts on “Le scarpe piene di sassi. (Comunanze)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...